Logo ufficiale del Progetto Parco Nazionale del LocarneseLogo ufficiale di Candidato Progetto Parco Nazionale
 
 
 

News

 
All'ombra dei faggi si è svolta con successo la seconda edizione della festa popolare sull'Alpe Casone a Ronco sopra Ascona. Più di un centinaio di persone hanno infatti condiviso lo squisito pranzo cucinato con passione e maestria dalla squadra comunale. Soddisfatto il sindaco Paolo Senn che nel discorso di ringraziamento ha ricordato ai presenti il progetto di riqualifica dell'Alpe promosso da Comune e Patriziato con il sostegno del Candidato Parco Nazionale del Locarnese. "Il Casone oggi sta diventando una sorta di Alpe scuola, un luogo dove i giovani possono vivere la montagna a stretto contatto con la natura. Di fatto i due Campi Natura Wwf Svizzera che si tengono in queste due settimane qui al Casone sono la concreta dimostrazione del potenziale che quest'Alpe ancora ha. Passo dopo passo, anche con il sostegno del Parco, miglioreremo le strutture presenti perché possano ospitare altri soggiorni studio". Un applauso di ringraziamento è andato anche all'esperto di conduzioni di campi Aldo Madonna e ad Alessandra Lorini dell'omonima azienda agricola, vere colonne portanti dei due Campi Natura in corso sull'Alpe.
Va ricordato che l'Alpe Casone non è più caricato da oltre 45 anni, anche a causa della mancanza di acqua. I proprietari, Comune e Patriziato, avevano chiesto al parco di trovare un modo per rilanciarlo. Sono state elaborate diverse varianti. La gestione di un alpeggio classico, secondo le normative attuali, essendosi rivelata troppo onerosa, è stata scartata. È invece piaciuta l'idea di destinare l'Alpe per l'organizzazione di campi natura per i ragazzi. Con un investimento contenuto si potrà garantire il ripristino degli stabili. In quest'ottica si sono organizzati i primi campi che si sono rivelati un successo e che hanno permesso di individuare i lavori prioritari da eseguire.
 
alpe casone 0366
 
alpe casone 0190
 
 
alpe casone 0022